martedì 22 dicembre 2009

lunedì 21 dicembre 2009

domenica 6 dicembre 2009



Quando luce e ombra,
tessevano trame nella radura del bosco,
in un pomeriggio di autunno,
sulla verde acqua che tremava,
il monologo del vento
suonava nel mio flauto.
Ogni pena e preoccupazione
furono spazzate via...
Oggi io sento
il fremito del velo colorato,
il sospirare della brezza,
lo sguardo che invita,
l' armonia che nell' amore fiorisce...


Rabindranath Tagore


sabato 7 novembre 2009

Bansincontro Gropparello




Cari amici del bansuri..
Vi informo che sabato 28 e domenica 29 Novembre a Gropparello vicino a Piacenza, si terrà il secondo incontro
di bansuri.



Programma:
Arrivo nel primo pomeriggio di sabato.
Prima lezione dall
e 17 alle 19 circa, 19-20.30 relax e cena.
Seconda lezione saba
to dalle 20,30 alle 22,30.
Terza lezione domenica mattina dalle 9 alle 12 seg
ue il pranzo.
Quarta lezione dalle 14,30 alle 17.




Costi: 20 euro a lezione.



Saremo ospiti di Lamberto e Sabrina che gestiscono un bel centro sulle colline a 20 km da Piacenza. La cucina è vegetariana, vi sono varie camere a singola, doppia e multipla occupazione. I costi sono molto modesti. Il pernottamento in stanza doppia o tripla inclusi la cena del sabato ed il pranzo della domenica è di 40 euro e di 50 per chi vuole la camera singola.


La tranquillità del posto e l' ottima acustica del salone dove suoneremo, ne fanno il luogo ideale per l' incontro.
Cosa portare: I bansuri, suoneremo prevalentemente in Sol, Fa ed in Mi, un quaderno per appunti, se si vuole un registratore, e molto importante vestiti comodi per sedere nella posizione del loto.


Chi è interessato a partecipare o per qualsiasi domanda per organizzarsi con il trasporto in auto, etc.. mi dovrebbe contattare via mail. Se conoscete qualcuno interessato fate circolare l'invito.
L' indirizzo di Gropparello è www.cenobiodelmisericordioso.it
Ciao e grazie

Lorenzo

martedì 20 ottobre 2009

Lettere 2009

Ciao Lorenzo, se non potremo a gennaio sicuramente verremo a trovarti a breve. Come ti avevo preannunciato, sto continuando con il bansuri e mi sembra di aver fatto alcuni progressi, ora riesco a muovermi più facilmente sull' intera scala, e mi sembra di aver aumentato di molto anche la portata respiratoria. per il fiato, oltre a quello che mi hai detto tu, ho letto un pò sulle tecniche yoga del pranayama, e spinto dalla curiosità nata da una delle ultime volte quando hai parlato di Lucio Ongaro, ho visto su internet che usa la tecnica inventata da Serge Wilfart, di cui ho appena finito di leggere il libro" Il canto dell' essere" in cui viene presentata un pò la sua tecnica adatta per il canto e la voce in generale. Il libro non si spinge minimamente nel dare consigli per esercizi, facendo dipendere questi dal singolo allievo che si ha davanti, ma se una volta o l' altra riuscissi ad organizzare a Vicenza o a Milano un mini seminarietto di Lucio all' interno delle tue lezioni fammelo sapere che sono assai curioso di vedere la tecnica in pratica...


Ciao Lorenzo, ho trovato utile anche nello studio del sax cominciare con la tampura e seguire un precorso di approccio alla musica simile a quello che si fà in quella indiana e mi dà l'impressione che aiuti molto a livello di suono e forse anche di concentrazione...


Come ti dicevo mi interessa un flauto bansuri da suonare durante la meditazione o meglio da usare come aiuto alla meditazione stessa, non so bene se si possa fare o come funzioni o... a istinto mi pare che devo andare in questa direzione, ho provato con il flauto traverso ma qualcosa manca... Ho suonato per tre anni il sax tenore ma già da molto l' ho abbandonato, ho studiato canto moderno per quattro anni con un' insegnante russa e anche questo è passato in secondo piano perchè da tre anni mi sono appassionato al tango argentino e ho cominciato yoga proprio per migliorare come ballerino. Da alcuni mesi sto con una ragazza che mi ha suggerito nuove prospettive...con le prime esperienze di meditazione ho preso più consapevolezza...diciamo che sto affrontando il karma di questa vita. In realtà vado per tentativi e non so bene come muovermi, spero che attraverso la respirazione, la musica e la meditazione (rilassamento) mi si chiariscano un pò di più le idee... Mi pare di aver capito che tu di queste cose ne hai esperienza e ti chiedo un consiglio su che tipo di strumento potrebbe essere più adatto, io pensavo ad un flauto abbastanza "grande" cioè con un registro verso il basso e anche una tonalità nelle prime note della scala, ma forse la tonalità è relativa.
Ciao e grazie della bella lettera, rinforza la mia idea che sono tante le strade che portano allo studio del bansuri. Di solito inizio i miei allievi con una tonalità media di LA per non stancare troppo le mani e per avere un bel suono abbastanza basso e soddisfacente sin dall' inizio, il bansuri è meditativo e fà molto bene alla respirazione, alla concentrazione ed offre una possibilità creativa senza limiti, sarebbe meglio incontrarci di persona per poterti aiutare meglio altrimenti ti posso spedire il bansuri in LA col relativo DVD di istruzioni ed un Tampura su cd, molti principianti hanno iniziato così con ottimi risultati, in fondo un lungo viaggio inizia con un passo.. Ciao Lorenzo 


Salve, gironzolando in rete mi sono imbattuto nel tuo sito...moooolto interessante, io sto cercando un flauto bansuri, da un pò pratico yoga e volevo provare se con l' aiuto di questo strumento mi sia possibile approfondire la meditazione.... Suono alcuni strumenti a livello dilettante tra cui il flauto traverso, che già mi dà qualche soddisfazione, tuttavia penso che il bansuri sia diverso, mi rendo conto che cè un pò da studiare, ma la cosa non mi spaventa....


Ciao Lorenzo,
oggi ho ritirato il flauto e così finalmente sono riuscito a provarlo e mi sembra ottimo e perfettamente intonato...Tu che li costruisci da tanti anni cosa ne pensi di quello che mi hai spedito? Grazie..ciao
Cerco sempre di fare il mio meglio per il rispetto dei miei studenti di musica e del mio grande maestro,
sicuramente hai un ottimo strumento tra le mani, ottimo per iniziare, segui il dvd e vedrai che voli.
spero di vederti al prossimo incontro di bansurisempre a Gropparello a fine gennaio.
Se hai bisogno di avere indicazioni e aiuto sullo strumento e sui raga fammi sapere come ti trovi
ciao e grazie


Ciao Lorenzo, scusa il disturbo, ma ho una buona nuova, almeno per quanto mi riguarda. E' successo un mezzo miracolo: da qualche giorno stavo provando a suonare il bansuri in do, ma in particolare negli ultimi 2 giorni ero stato un disastro, non mi uscivano neanche le note ed ero veramente frustrato. Oggi mi sono messo ad ascoltare attentamente il tuo cd (quello che alleghi per chi compra uno dei tuoi flauti). Sono arrivato alla sezione scale senza aver suonato una nota, poi sentendo le scale, in particolare "La danza del cigno" mi sono detto "bella questa proviamoci anche se sò che non mi verrà una nota". Bè incredibile ma vero, mi sono uscite fuori le note, anche quelle più alte, senza che facessero tutto il casino che facevano prima. Al che ho messo il tampura in do e ci ho suonato un pò sopra, cose semplicissime ovviamente, ma per la prima volta, mi è uscito un suono decente. Ti sembrerò un cretino, ma quasi mi sono messo a piangere per la felicità. Non è che il tuo cd ha dei messaggi subliminari che inducono chi lo ascolta ad imparare a suonare? Comunque grazie tante, oggi sono veramente felice. Domanda: è normale che i muscoli ai lati del collo mi tirano un pò? Spero di farcela a venire al tuo seminario. A presto.


Ciao Lorenzo, grazie molto per le informazioni. Spero davvero di riuscire a venire. Colgo l' occasione per farti i complimenti per i tuoi flauti che ho comprato. Suonano bene e li vendi a un prezzo veramente onesto. Devo dire che per suonare il flauto in re, ho grossi problemi a far uscire fuori la nota più bassa: o meglio, per un pò ci riesco ma poi me la perdo. Oggi stavo riprovando a suonare quello in do e devo dire che le notesono uscite fuori un pò meglio rispetto al solito. Credo sia molto questione di imboccatura e di non essere tesi nel soffiare l' aria, anche quando si fanno le note più alte. Domanda: con che coraggiodovei presentarmi ad un seminario di bansuri, quando ancora non lo so suonare? Insomma, devo ammettere che tra i miei difetti, c'è quello di essere piuttosto orgoglioso, sopprattutto per quanto riguarda la musica, ammetto che l' idea di presentarmi sapendo poco o niente, mi mette un pò di agitazione. Grazie ancora. Buona giornata.
Mi sembra che tu sia pronto per un salto di qualità, non più muovere le dita ad istinto, ma sapere dove si và, cosa si suona, come ci si muove, cosa si costruisce con ogni nota suonata in consapevolezza. Se puoi vieni al seminario ne rimmarrai soddisfatto, garantito, porterai a casa con te un' esperienza e tanti nuovi germogli, in quanto all' orgoglio non ti disturberà troppo perchè vedrai che siamo tutti studenti in cammino. Ciao Lorenzo


Salve Lorenzo. Uno o due anni fà ho acquistato due dei tuoi flauti, uno in C e l' altro in D. Intanto colgo l' occasione per dirti che sono molto contento dell' acquisto. Poi volevo chiderti dei consigli: suono il basso elettrico da circa 15 anni e da poco tempo ho iniziato a suonare un flauto dei Nativi Americani in F# e devo dire che non mi è mai capitato di avere tante difficoltà a suonare uno strumento così come ne ho con il bansuri. Insomma io suono la scala principale avanti e indietro, ma oltre ad avere problemi con il mezzo tono, non riesco a trovare un motivo che mi soddisfi, diciamo a farci qualcosa che suona in modo decente e che non sia una scala. Ti prego dammi qualche consiglio. So che la musica è questione di cuore e il mio problema è che ascolto poca musica indiana, così non ho l' orecchio per cavare fuori dal bansuri qualcosa di buono. Un altra domanda: è normale che, le note dell' ottava più alta abbiano un timbro così diverso da quelle più basse? Quando passo dal G dell' ottava più alta al F diciamo normale, sul flauto in C, il suono mi cambia molto, c'è un forte stacco. Scusami se mi sono preso tutta questa confidenza, ma vorrei riuscire a suonare quel bellissimo bansuri a tutti i costi. Buona giornata.


Ciao Lorenzo, sono un ragazzo israeliano che vive a Roma e ho gli orecchi molto contaminati, non so suonare nessuno strumento e non conosco quasi niente di teoria di musica. Mi sembra che sto iniziando un cammino. Ho preso un bel bansuri, penso che sia di tonalità SOL (è inciso sopra la lettera G) e ha odore dell' India. Ho iniziato a sedere e respirare insieme, e sperimentando i suoni riesco a volte a captare qualche traccia di una forza nascosta, ma ovviamente ho bisogno di una guida. Cercando indizi ho visto il tuo blog e ho letto che hai realizzato un DVD di istruzioni. Visto che per il momento non ho bisogno di un flauto volevo sapere se si può acquistare solo il DVD e il CD di tampura in SOL. Sarò molto grato per un pò di dettagli e per qualsiasi consiglio ti senti di condividere. Grazie tanto!


...comunque se lascio che la musica fluisca da sola e mi abbandono al non-pensare funziona tutto bene, appena il pensiero entra nella mente le dita caracollano e il fiato si fa incerto... Gli Yanomamo credono che solo chi è vuoto dentro può lasciare entrare la voce degli alberi e di conseguenza "cantare".. Al di là della tecnica, essenziale per poter praticare uno strumento musicale, questo è un gran insegnamento perchè ha a che fare con un sentire profondo, un empatia che permette di entrare in contatto con il mondo interiore/spirituale/altro. Scusa la prolissità, non sono certo io che devo dirti queste cose, sicuramente nel tuo lavoro sai già questo e altro. Grazie per l' incoraggiamento, persisterò!








Sto suonando poco, perchè come ti dicevo sono in realtà più appassionato alla musica e agli strumenti musicali che non un musicista, o quantomeno uno studente. Però devo dire, e credimi sono sincero che da quando ho il Bansuri costruito da te, sto suonando un poco di più, e questo grazie al fatto che ha un emissione del suono molto facile e che comunque me lo "sento" bene, meglio di ogni altro strumento che ho e che di tanto in tanto riprovo a suonare. Ciao!

lunedì 19 ottobre 2009

Il flauto è arrivato stamattina. Tutto bene, ho avuto poco tempo per familiarizzare e fare conoscenza ma la mia impressione è stata molto buona. Ho trovato curioso il tipo di canna, non ho mai visto flauti con un materiale così "fibroso" e sottile, normalmente sono più compatti. Ha una bella sonorità e mi pare comodo per il fiato, ho qualche problema con l' anulare della mano destra sull' ultimo foro che ha un apertura ampia il suono è morbido le ottave perfette, grazie davvero ciao

giovedì 1 ottobre 2009



Ciao Lorenzo, il bansuri è arrivato.
E' ben intonato, suono morbido e odore di bambù bruciato che mi piace un sacco (non so, forse mi ricorda l'infanzia quando bruciavo i fusti delle canne nel caminetto di campagna).
Così per curiosità ho provato a fare la scala e sono arrivato al mi della terza ottava...ma sono consapevole che bisogna partire piano, piano.
Ho notato subito che c'è da lavorare sull'apertura dell'anulare destro...ma col tempo e la pazienza il difetto sarà corretto. Fortuna che mi ha consigliato il flauto in La e non quello più grande in Mi...
Ah, volevo chiederti: quando dovrebbero arrivare il dvd didattico e il cd di tampura?
Grazie mille e a presto!
G
perfetto sento che e' in buone mani
i cd e dvd viaggiano separati spero ti arrivino in settimana
fammi sapere
ciao

venerdì 25 settembre 2009



...ti consiglio di iniziare con un bansuri di medie dimensioni tonalità di LA. Tieni presente che nel Bansuri la tonalità si ottiene chiudendo solo i primi tre fori. Quasi tutti i miei allievi hanno iniziato così per cui ho fatto il dvd da seguire in questa tonalità. Inclusi nel costo di 80 euro vi sono oltre al flauto un dvd di istruzioni dettagliate da seguire, un cd di tampura in LA e la spedizione raccomandata assicurata....

Ciao Lorenzo....sono molto contento del nuovo flauto in MI, è un pò debole, ma in compenso la qualità è ottima, suono sottile e vellutato, l' emissione facile e pronta anche nell' acuto, e i fondamentali sono molto intonati, il diapason a 444 va bene per suonare su molti dischi, un bell' accatto. I fori sono un pò piccoli, ma per ora va bene così, quando sarò più sciolto sul MI magari vediamo di trovare un flauto con fori più grandi; per ora sono ok....
Sono da sempre un appassionato di flauti, e in questi giorni ho scoperto il bansuri, grazie a mia sorella che mi ha prestato un flauto in SOL acquistato da te un pò di tempo fà. Il flauto mi è molto piaciuto, ho anche guardato il tuo dvd con la lezione e curiosato sul tuo sito, e da tutto questo ho davvero avuto una buona impressione. Io però (che al contrario di mia sorella ho mani grandi) desidererei provare uno strumento più grande che da quanto ho potuto sentire hanno un suono più suggestivo. Mi sono fatto l idea che forse potrebbe andare bene uno in MI; tu cosa mi consiglieresti?? ed eventualmente hai disponibilità di un tale strumento? Ho visto nel tuo sito che costruisci anche dei quena,ne hai disponibili?? Tieni presente che come suonatore sono praticamente soltanto un principiante, anche se oramai lo sono da circa 30 anni. Ultimamente sto anche provando a costruire dei traversi con il sambuco, insomma in fondo tanta passione e ancora pochi risultati. Comunque non mollo e intanto voglio coltivare la passione! Ciao!


"Incredibile, è successo, magicamente, l ho preso in mano e voilà, come per incanto le dita chiudevano bene, il fiato funzionava a dovere, e le note sgorgavano placide, come se non avessi fatto altro...ma accade così anche agli altri tuoi "allievi"? Avevi ragione, il mio bansuri (in sol) ha un suono dolcissimo!"
......si effettivamente merita dare energia al bansuri, col tempo si aprono delle bellissime sorprese e se così non fosse avrei già chiuso bottega...
ciao suona e sii felice..

domenica 6 settembre 2009

CONSERVATORIO DI VICENZA

Caro amico del bansuri,
per avere un idea generale dei prossimi incontri,
questi sono gli orari di Vicenza.
Saranno utili per chi vuole iscriversi
sia al triennio che al corso libero.

Sarò in conservatorio venerdì e sabato 12-13 settembre
per finire le mie ore e per assistere al concerto degli allievi.

Di solito la domenica pomeriggio,
al ritorno da Vicenza
passo da Milano in Via Silva metro Lotto
per fare una classe ospite di Lucio Ongaro.

Buon tutto!!

Ciao
Orario 2009/2010

Lezioni

1. 15-17 ottobre 2009

2. 29-31 ottobre 2009

3. 12-14 novembre 2009

4. 10-12 dicembre 2009

5. 11-13 febbraio 2010

6. 11-13 marzo 2010

7. 25-27 marzo 2010

8. 8-10 aprile 2010

9. 6-8 maggio 2010

10. 20-22 maggio 2010

11. 3-5 giugno 2010

12. 8-10 luglio 2010
Esami finali

1. Sessione autunnale: 15 ottobre 2009

2. Sessione invernale: 13 marzo 2010

3. Sessione estiva: 8-10 luglio 2010


Esami di ammissione

1. 8-10 luglio 2010

LA CANNA E IL VENTO

Non era mai accaduto
nel boschetto
gli alberi erano tutti innamorati
di una canna
una cannuccia sottile
che amava invece il vento
il vento che porta la pioggia

Così il boschetto l' aveva ripudiata

La canna innamorata
rispose: per me va bene.
Voi state pure tutti da una parte
che dall' altra c' è il vento della pioggia,
così vuole il mio cuore.

Il boschetto, offeso
sentenziò la morte
per quella innamorata dagli occhi di rugiada,
chiamò il picchio dal becco forte,
e le picchiò, colpì nel cuore
tre, quattro, cinque volte
nel cuore della piccola canna.

Da quel giorno
la canna innamorata divenne flauto
e da quel giorno
le ferite degli amanti
parlano con le ferite del vento,
e cantano,
ovunque nel mondo,
da quel giorno...

(Sherko Bekas, canti d' amore e di libertà del popolo kurdo)

venerdì 4 settembre 2009

giovedì 3 settembre 2009

Cari Amici,
gli incontri 'milanesi' con Lorenzo Squillari sono iniziati felicemente e al primo incontro, dieci giorni fà, abbiamo accolto diversi nuovi flautisti. Continueremo a organizzare gli incontri con cadenza quindicinale, ma vi darò comunque conferma di volta in volta tramite email.

Il prossimo appuntamento, come già anticipato a chi era presente sarà DOMENICA PROSSIMA 13 SETTEMBRE ALLE 14.30 (attenzione abbiamo anticipato leggermente l'orario per non incorrere in troppo traffico alla sera).
Prima lezione gratuita, dopodichè 20 euro di donazione, nessuno sarà rifiutato per mancanza di fondi.
Vi aspetto ancora, presso lo studio di Lucio che ci ospita.
Per informazioni chiamatemi pure,
buona musica a tutti

una volta al mese la prossima sarà.
Domenica 13 settembre ore 14,30
studio: Lucio Ongaro,
Via g. Silva 39
Milano
(mm LOTTO, uscita v.le Monte Rosa, prima strada a sinistra).


domenica 12 luglio 2009

ALI AKBAR KHAN DIES AT 87


Ali Akbar Khan, Indian music master, dies at 87
Paul Liberatore
Posted: 06/19/2009 01:45:25 PM PDT

Ali Akbar Khan seen in this April 13, 2002 file photo, walks through the crowd of adoring well-wishers during the a day-long gala tribute celebrating the 80th birthday of the ledgendary musician at the Veterans Memorial Auditorium in San Rafael. (IJ photo/Jeff Vendsel)


Ali Akbar Khan, founder of the Ali Akbar College of Music in San Rafael and one of the greatest Indian classical musicians of all time, died Thursday night at his home in San Anselmo. He was 87.
Mr. Khan, a master of the sarod, a multistringed, lutelike instrument, died of complications from kidney disease, his family said. He had been on dialysis the past five years and in declining health in recent months.
Called Khansahib by his students, Mr. Khan founded the Ali Akbar College in Fairfax in 1968, later moving the school to San Rafael.
"He led an amazing life," said David Yovino, operations manager at the college, sitting in his office under a framed photograph of Mr. Khan in concert. "And he left this legacy that will go on."


Ali Akbar Khan seen in this August 25, 1975 photo in Fairfax, Calif. (Photo by John O'Hara)

Along with his former brother-in-law, sitar great Ravi Shankar, Mr. Khan is credited with pioneering and popularizing North Indian classical music in the West.
Tabla master Zakir Hussain of San Anselmo played more than 200 concerts with Mr. Khan in his career. Speaking by phone after a concert Friday night in London, he said that Indian musicians owe a huge debt to Mr. Khan.
"Every instrumentalist who picks up an instrument to play Indian classical music has been influenced by him," he said. "He had an incredibly expressive style of playing that people didn't know was possible. Nobody looked at ragas the way he has. His musical sense was so unique and so spontaneously fresh.
"One hundred years down the road, there might be a musicologist convention and people will ask, 'What was the most important thing that elevated the status of instrumental music in India? And they will answer: 'Ali Akbar Khan's arrival.' He was amazing."
Mr. Khan first visited the United States in 1955 to play at the Museum of Modern Art in New York at the invitation of violinist Yehudi Menuhin. He gave the first television performance of Indian music on Alistair Cooke's "Omnibus" show.
The Los Angeles Times called him "a virtuoso of breathtaking skill."
While he recorded many albums and performed widely, he was proudest of being one of the first teachers of Indian classical music in the U.S., devoting most of his life to teaching. More than 10,000 students have passed through his school in Marin over the past 40 years.
The day before he died, he invited his students to a last class at his home.
"He could barely lift his head, but he told us to bring him his harmonium (a small organ)," his 27-year-old son, Alam, said Friday at the family home. "He started singing and teaching us. Some of us were singing and some of us were weeping because we knew he was saying good-bye. He said he wanted to teach until the end, and he did."
Mr. Khan met Mary, his wife of 30 years, when she was a student of dance and tabla at the school.
"We were married in this house, the same house where he died," she said Friday, surrounded by their three children: sons Alam and Manik, 23, both sarod players, and daughter Medina, 18. An older son by a previous marriage, Aashish Khan, himself a master of the sarod, was also present. In all, Mr. Khan had 11 children.
The evening before he died, he asked his sons to bring their instruments to his bedside for a final lesson.
"He gave so much through his teaching," Alam said. "The amount of love he embodied came through in his music. One note played by him went straight to your heart."
When he was just 3 years old, Mr. Khan began studying music with his father, Allauddin Khan, a national hero in India considered the greatest figure in Indian classical music of the 20th century. His father gave him the title of "swara samrat," meaning "emperor of melody."
"My father told me when he was very old, 'You must take this music and teach for as long as you can see the sun and the moon,'" Khan said in a 1974 Independent Journal interview.
When he founded his college in Marin, he said, "This kind of school, after my father's, is the only one of its kind in the world. Someday, if an Indian wants to learn Indian music, he will have to come to America."
Mr. Khan received international recognition for his contributions to the arts when he was awarded a $375,000 MacArthur "genius" grant in 1991.
In a 1993 Independent Journal interview, he said, "When I first came here, there was no interest in this music at all. People had never heard it before. But now I've found that every day in the United States something is going on in this music."
A memorial service and burial will be at noon Sunday at Mt. Tamalpais Cemetery, 2500 Fifth Ave., San Rafael, followed by a gathering at the Ali Akbar College, 215 West End Ave., San Rafael.
The family requests condolences be sent via e-mail to inmemoryofaak@gmail.com. Memorial donations may be made to the Ali Akbar Khan Library at www.aacm.org.

sabato 20 giugno 2009

Lezioni estive di Bansuri

Cari amici ,
Vi informo che per l'ultimo fiine settimana di Agosto, sto provando ad organizzare un incontro di 3-4 giorni di lezioni di Bansuri. Si terra vicino a casa mia in un agriturismo, o nel salone comunale. Dipendera' dal numero dei partecipanti.Vorrei sapere quanti di voi potrebbero essere interessati per potermi meglio preparare. Siamo a 25 km da Alba nel basso Piemonte in una zona collinare molto bella e tranquilla che ispira la musica. Nel raggio di pochi Km, vi sono pensioni per tutti i gusti e relative tasche. Cerchero' il modo di fare qualche convenzione piu economicapossibile per chi si trova con la voglia di venire a studiare ma in difficolta monetariaSe siete interessati contattatemi per ulteriori dettagli.
Vi auguro una serena estate
Lorenzo

martedì 24 febbraio 2009

Luci dal sito di Ali Akbar Khan


"This Music is for everyone. Like fresh air, or clean water.In old times, when the old maestros sang or playedinstruments in the temple, all the animals, birds, tigers,lions, everything, anyone came to hear the Music."
"Music is a universal language. The sound of the melodytouches everyones heart and mind. Those people who havenever heard this music take a few minutes to feel it, thenthey enjoy it in their own way."
"I love music. Whatever I can give to my students is mypleasure. Whatever I know, I will give. If you can learn inone day, I'll teach you everything. If you can play betterthan me, it's more pleasure. The better you can play andsing, the more beautifully you can express yourself and this Music."
"My father taught me Music the way most parents teach theirchildren to speak. He was 110 years old when he died, anduntil that time he played constantly, sometimes 23 hours aday."
"Indian Music is like a river or stream that has come downto us through time, bringing nurture to man's soul. From thepast masters, this Music flowed to my father and through himto me. I want to keep this stream flowing, I don't want itto die. It must spread all over the world."
"In the old times, musicians would only learn or teach amongtheir blood relations and only be heard among the royalfamily in court. After independence, the music came toeveryone through the festivals and All India Radio, and themany colleges. Slowly, slowly the music has gone from thecourt to each and everyone"
"My father used to criticize me for 24 years. One note Icouldn't do the proper way and he'd say, 'It's not correct.'I used to think he was getting old and couldn't hear meproperly. Then after 20 years he told me I was there. Irealized he was 100 percent correct and I was wrong."
"Music is the only thing that you can share with a millionmillion people and you don't lose, you gain. It helps you toget energy and to live long, because when your soul is veryhappy then you don't want to die."
"For us, as a family, music is like food. When you need ityou don't have to explain why, because it is basic to life."
"If you practice for 10 years, you may begin to pleaseyourself, after 20 years you may become a performer andplease the audience, after 30 years you may please even yourguru, but you must practice for many more years before youfinally become a true artist-- then you may please evenGod."
"I play for myself. If I like my music, you will like it. IfI do not, you will not.""After eating healthy food you can have a sweet, but if youdon't have the real food and only have the sweets it's notgood for you. Still, if you eat healthy a little chocolateis very nice. You can mix up the music a little bitlike that for fun."

ALI AKBAR KHAN

venerdì 30 gennaio 2009

2009

Volevo chiederti qualche consiglio per comprare un Bansuri....ma facciamo un passo indietro! Io non sono un musicista, sono uno che si è svegliato qualche giorno prima di natale con la voglia di imparare a suonare il flauto, così.. diciamo dal nulla, che poi proprio nulla non è. E' stato un richiamo istintivo che veniva da dentro, un impulso creativo che ho voluto seguire. Ok, suonare il flauto.. ma che flauto? Ne esistono migliaia!Il flauto dolce mi ricordava molto la scuola media e la "musica della Barilla" che suonavamo ad ogni lezione, così l'ho scartato. Mi sono diretto verso qualcosa di più allegro e "folkeggiante": il tin whistle.Ecco, da lì mi si è aperto un mondo immenso.. inizio a guardare milioni di video di tin whistle, flauto dolce (sì, proprio lui.. che poi alla fine non mi sta mica antipatico!), flauto traverso, fife, fujara e ovviamente bansuri. Di colpo ho scoperto di amare gli strumenti a fiato! Mi piacciono tutti e se potessi li vorrei tutti, così da poter scegliere cosa strimpellare a seconda della giornata, del momento o dell'umore, ma quello che davvero mi ha colpito è il bansuri.Nella tua biografia ho letto una frase che descrive bene quello che cerco: "non più musica letta, ma musica suonata ad occhi chiusi, sentita nell'interiore e composta nel momento."Ecco, la mia idea è fondamentalmente questa. Quando suono i miei tin whistle, leggo gli spartiti per quanto riesco e comunque mi diverto, ma quello che cerco è qualcosa che venga da dentro: non tanto uno strumento da suonare, piuttosto uno strumento per suonare me stesso attraverso di esso.Spesso mi ritaglio dei momenti di riflessione durante la giornata, momenti in cui sfrutto una mezzora libera per mettermi comodo, riflettere, meditare, fare Reiki e per guardarmi un po' dentro. Credo che la musica del bansuri sarebbe un ottimo accompagnamento per questi momenti di pausa.Volendo passare al lato più tecnico, posso dirti che non ho proprio idea di quale sia il bansuri più comune, né quali siano i più facili per cominciare, quindi qui chiedo a te.A me piacciono molto le tonalità basse, però non saprei.. i flauti grandi mi sembrano anche meno adatti a chi comincia.Ho visto il G che hai in vendita su ebay, ci sto facendo un pensiero!Bene, questo è tutto per ora. Grazie in anticipo Claudio
si,sono ad assi,il guru j si chiama santosh,sta prendendo il master alla BHU,il suo guru j e'Pralal Nat,suona molto bene ed e' molto paziente,stiamo lavorando molto sui mind e i gamak nell'alap,gliel'ho chiesto io,ad un certo punto ho pensato che fosse inutile continuare a cercara di imparare i raga senza avere prima il rasa,quindi diciamo che ho ricominciato un po'da capo,ma sono soddisfatto,stiamo suonando bhairav e yaman(ma di piu'bhairav,quello della mattina,non bhairavi).spero di riuscire ad imparare qualcosa in piu' e sopratutto la pazienza che ci vuole nella pratica!spero possiamo incontrarci presto,sinceramente non so dove,ma lo spero!!un saluto a matteo e a tutta la family! oooooooooooooooommmmmmmmmm
Ciao Lorenzone! Sì, sono a Delhi attualmente, proprio l'altro giorno ti pensavo. Sono molto contenta di essere venuta qui. Anche se Delhi non è esattamente un risparmio, sto imparando tante cose e mi trovo molto bene con la mia guruji. Adesso starà via per una settimana in Kashmir, voleva portarmi per accompagnarla ma poi avevo l'influenza e il Kashmir è un po' freddo e mi ha detto che era meglio se rimanevo qui...speriamo ci sia un'altra occasione! Ah tengo anche un blog se vuoi farti due risate... http://www.back2indiamarged.blogspot.com/Comunque torno a metà marzo, poi vedo di fare un salto, soprattutto per salutare te! Un abbraccio a tutta la tua ciurma Marged
di nuovo ciao, per il flauto in SI basso, mi servirebbero un paio di info, dato che sono nuovo di questo strumento, innanzitutto il flauto in si e molto lungo, avro difficoltà a suonarlo? ho visto varie tipologie di bansuri alcuni fatti con tipi di bambù piu scuri altri con nodi e volevo sapere se c'e una differenza o se sono semplicemente fattori estetici?

risposta
il bamboo migliore e' quello che cresce in zone tropicali il mio e' dell'Assam zona ai piedi delle himalaya
nell'india del nord est oppure uso anche bamboo dall' isola di Hawaii alle pendici del vulcano Mauna Kea.
Iniziare subito col Si cioe' il Sa in Mi e' difficile
Personalmente inizio i miei allievi con la in tonica La piu acuto ma certamente piu facile da diteggiare.
Alcuni Maestri pero iniziano tutti in Mi, Si tutto chiuso.
Dipende anche dalla tua esperienza musicale.
Vedi mio sito per informazioni ulteriori
Ciao

Il flauto è una vera opera d'arte e le spiegazioni in video e audio CD sono una benedizione per chi come me non sarebbe riuscito a tirare fuori una nota.. Mi hai spedito un lavoro che va ben oltre il prezzo che mi hai fatto pagare Mi affascina molto questo strumento e sai trasmettere la tua passione.. mi auguro di riuscire presto a creare un minimo di melodia.. In proposito, non conosceresti un insegnante di questo strumento nei dintorni di Prato, Pistoia o Firenze? Comunque ancora Grazie
Mi sto guardando i video che hai messo, e non posso fare a meno di rivederli, il suono mi e rimasto dentro le orecchie e qualsiasi cosa faccio lo sento riecheggiare nel timpano...forse non sono normale.spero che ti possa accontentarmi con un buon bansuri Saluti
Ciao Lorenzo !
Con il Mi mi trovo veramente bene...E' uno strumento meraviglioso...Già non ho più voglia di riprendere in mano gli altri flauti...E pensare che le mie capacità mi permettono di apprezzarlo soltanto in parte...Ma migliorerò !!!
Ciao Lorenzo !!!E' arrivato il bansuri !!! Ho avuto soltanto 5 min di tempo per provarloprima di tonare in ufficio e mi è sembrato ottimo...Ha un suonoincredibilmente bello e potente !!!


Grazie veramente di tutto Lorenzo !!! Anche per il tempo che mi haidedicato...A prestissimo! Ciao